Eventi
usicivici - Trento 24^ Riunione scientifica
Relatori | Comunicazioni | Voci
Tema generale
La nuova stagione degli assetti fondiari collettivi nella condizione neo-moderna. Una panoramica europea su “Un altro modo di possedere".
Trento, 15-16 novembre 2018
usicivici - Trento 23^ Riunione scientifica Video
16-17 nov. 2017
Archivio delle Riunioni

Segnalazioni
Temi delle Riunioni
- Autori dell'Archivio Scialoja-Bolla 2003-2017
- Autori e titoli in Monografie Edizioni Cedam 1998-2002
Soci dell'Associazione Guido Cervati
Newsletter
Invia una news!
Main Cultural Partners
Coordinamento tra Centri studi
Cattedra ambulante
Newsletter Invia una news! Facebook Google+ Twitter YouTube
Allegato Allegato
23.05.2018
Allegato Allegato
22.05.2018
Allegato Allegato
10.05.2018
Allegato Allegato
04.05.2018

Informazioni dalla giurisdizione. Nota da Studio Legale Avv. Claudia Federico, Roma.
Con due decisioni (n. 110 e n.114 pronunciate in data 7 febbraio 2018 e pubblicate il 5 aprile 2018) il Tar di Bolzano, accogliendo i ricorsi presentati dall’Associazione Agraria di Interessenza Pascoli di Glorenza e da alcuni utenti, ha annullato gli atti comunali e provinciali che, in particolare, sottoponevano al vincolo di biotopo il terreno di demanio civico (p.f. 661) e la relativa concessione edilizia rilasciata sul predetto fondo per la “riqualificazione della zona” e per la realizzazione di strutture di collegamento, accessibilità (percorso pedonale, pista ciclabile, aree di sosta attrezzate, steccati, recinzioni) e varie attrezzature ed infrastrutture in quanto atti amministrativi dispositivi comportanti una trasformazione dell’area a pascolo presi senza alcuna considerazione della natura demaniale civica del predetto fondo e senza la partecipazione al procedimento da parte dei titolari degli usi civici, in una totale confusione tra amministrazione comunale e amministrazione dei beni di uso civico affidata alla Giunta comunale dalla legge prov.le 16/1980 che invece devono essere nettamente separate.

Allegato Allegato
27.04.2018
Allegato Allegato
23.04.2018
25.03.2018
Richiesta di sostegno finanziario
Con la riduzione dei fondi pubblici destinati agli enti di ricerca, anche il Centro studi e documentazione sui demani civici e le proprietà collettive dell’Università di Trento avverte il venir meno delle proprie risorse finanziarie.
Come presidente del Centro mi permetto di invitare le persone e gli enti che apprezzano la presenza e la continuazione dell’attività a sostenere finanziariamente il Centro studi, con l’assicurazione che, come da formale delibera, né i componenti del Comitato scientifico né i componenti del Consiglio direttivo ricevono compensi.
Ecco alcuni semplici modi per aiutarci:
1) Destinare il 5xmille a favore dell’Università degli studi di Trento, utilizzando il seguente codice fiscale: 00 34 0520 220 e, secondo le modalità previste, firmare sull’apposito riquadro del Modello 730–1bis oppure sul Modello Unico o sul CUD la destinazione del 5‰ dell’IRPEF indicando il codice fiscale dell’Università degli studi di Trento sopra indicato. Mi permetto far presente che il contribuente non sostiene alcun costo, ma il versamento costituisce una preziosa entrata per il destinatario.
2) Partecipare all’attività del Centro chiedendo l’iscrizione a socio sostenitore con una quota volontaria (anche piccola) attraverso bonifico bancario: IBAN: IT10 G030 6901 8560 0000 4353 458 intestato a Centro studi e documentazione sui demani civici e le proprietà collettive, presso la Banca di Trento e Bolzano, sede di via Mantova 19 a Trento, con la causale “sostegno finanziario”.
Ringraziando per il prezioso sostegno che già state offrendo e quello che vorrete offrire con l’adesione al presente invito, porgo distinti saluti.
Pietro Nervi
19.03.2018
Informazioni dalla giurisdizione. Nota da Studio Legale Avv. Claudia Federico, Roma.
Con sentenza n. 17 del 26.02.2018 depositata il 12.03.2018 il Commissario agli usi civici di Roma ha accolto i ricorsi presentatati da alcuni naturali di Castelliri tutelando così il demanio civico ed i diritti civici illegittimamente limitati nella loro natura ed estensione da provvedimenti amministrativi comunali e regionali (quali vendite senza previa assegnazione a categoria e senza autorizzazione regionale, legittimazioni non perfezionatesi, divieti e regolamenti per l’esercizio degli usi civici).
Tale sentenza costituisce una importante vittoria per la proprietà collettiva di Castelliri e per la comunità dei residenti, unica titolare dei beni civici rispetto ai quali il Comune deve avere solo compiti limitati alla amministrazione.
Allegato Allegato
14.03.2018
Allegato Allegato
21.12.2017
Allegato Allegato
19.12.2017
Locandina
Allegato Allegato
07.09.2017
Informazioni dalla giurisdizione. Accertamento di demanialità
Il Commissario agli Usi Civici di Trento, nella persona del Commissario Aggiunto dott. Marco La Ganga, con sentenza n. 1 del 11.01.2017 depositata il 17.02.2017, ha accertato la proprietà in capo alle singole Comunità degli abitanti di Baselga, Faida, Miola, Montagnaga, Ricaldo, Rizzolaga, Sternigo, Tressilla, Vigo, Lases e Lona, insediate nelle omonime Frazioni dei Comuni amministrativi di Baselga di Piné e Lona-Lases. Oggetto del contendere era un terreno di mq catastali 83.442, che i Comuni affermavano essere di loro proprietà, supportati da una nota del Servizio Provinciale di competenza alla tutela dei beni di uso civico.
Il Commissario trentino, preliminarmente affermato il difetto di legittimazione attiva dei Comuni ricorrenti nonché l’inammissibilità delle azioni da questi proposte, ha rigettato anche nel merito le domande dei Comuni accertando e dichiarando la proprietà in capo alle Asuc del terreno in questione e la piena legittimità della gestione finora effettuata dalla Frazione di Miola, sia in proprio che quale rappresentante delle altre comproprietarie deleganti, e dell’esercizio degli usi civici posto in essere anche mediante concessioni contratto a ditte terze, rilevando altresì l’insussistenza del contrasto, paventato dai Comuni ricorrenti, tra i precedenti giudicati del 1931-1933 e del 1994.
Tale sentenza, quindi, accogliendo pienamente le argomentazioni e la ricostruzione storico giuridica delle Asuc, nel respingere le domande dei Comuni, che in questi anni hanno illegittimamente preteso di sostituirsi alle Asuc in relazione al terreno di che trattasi, costituisce una grande vittoria per queste ultime che vedono, così, pienamente riconosciuti i propri diritti.
Autori news: Avv. Claudia Federico del Foro di Roma - Avv. Mauro Iob del Foro di Trento
Allegato Allegato
12.06.2017

Usi civici - Trento
Progetti di ricerca | Pubblicazioni | Bibliografia | Repertorio dei provvedimenti | Corsi di formazione | Convegni | Organizzazione | Link utili | Facebook | Google+ | Twitter | YouTube

Rete dei demani civici
Presentazione | Istituzioni | Enti collettivi | Nucleo di supporto | Supporti

Nucleo di supporto alla proprietà collettiva
Presentazione | Esperti

Archivio "Scialoja-Bolla"
Presentazione | Il progetto editoriale | Direzione e Redazione | Indice generale | Indice degli autori |

Coordinamento tra Centri studi sugli assetti fondiari collettivi
Finalità e Centri associati | Cattedra ambulante |

Associazione "Guido Cervati"
Presentazione | Comitato direttivo | Elenco dei soci
Banche dati
Enti collettivi
Accesso libero!
Bibliografia on line
Aggiornata in tempo reale
Chiedi l'accesso!
Repertorio dei provvedimenti
Chiedi l'accesso!
Patrimonio culturale immateriale degli assetti fondiari collettivi Nuovo!

Novità editoriali
Archivio Scialoja-Bolla Archivio Scialoja-Bolla
1.2017 Indice
ATLANTE della proprietà collettiva ATLANTE della proprietà collettiva
n. 11 - maggio 2016
ATLANTE della proprietà collettiva QUADERNI DI RICERCA
n. 23 - maggio 2016
Altre pubblicazioni

Ricerche in corso

Demani civici, Roma